di: Abruzzo Marrucino

L'antica ricetta del serpentone

 

“Oggi l’antica ricetta per fare il dolce serpentone è stata quasi del tutto abbandonata a causa della presenza del sanguinaccio, non gradito alle nuove generazioni", dice Gemma De Ritis, presidente della Pro Loco di Fara Filiorum Petri. 

"L'antica preparazione del serpentone è conservata nel ricettario di mia madre:  

Per la pasta frolla:

2 uova,

2 cucchiai di zucchero,

2 cucchiai di olio,

2 cucchiai vino bianco,

farina 00 q.b.

La pasta deve risultare morbida ma non appiccicosa e va stesa con il matterello fino ad ottenere uno spessore di 4-5 millimetri, dando al pezzo forma ovale.

 

Per il ripieno:

20 cl di sanguinaccio,

30 cl di mosto cotto,

1 tazzina di cioccolato fuso,

1 noce di burro,

2 cucchiai di zucchero,

5-6 biscotti secchi tritati,

poche mandorle tostate e tritate,

un pezzetto di cannella e un pezzetto di buccia d’arancia.

 

Procedimento:

Riunire tutti gli ingredienti in un tegame messo su fuoco lento. Girare fino a quando il composto si addensa e si ottiene una crema consistente. Lasciare raffreddare.

Il composto ottenuto va posato a qualche centimetro dal bordo lungo del pezzo di pasta frolla, che va arrotolato e sigillato con una spruzzata di acqua. Modellare a forma di serpente stringendo leggermente a punta le estremità e inserire in una di esse due grani di pepe a ricordare gli occhi. Sistemare il serpentone sulla placca da forno e infornare a 170° per una ventina di minuti. Quando si è raffreddato, spolverare con zucchero a velo e servire a fette.

Può essere accompagnato da vino cotto, preparato in casa da molte famiglie del paese”.

Trova in zona

OUTDOOR

barca a vela
BARCA A VELA

Da 480€

 

Arte e Cultura

Sport e Turismo Attivo

ESCURSIONE IN E-BIKE
CICLO RACCONTO

Da € 25.00€

 

Bike

Enogastronomia

MARE E NATURA

Bike

Via Verde
GIROROSA IN BICI

Da 35,00€

 

Sport e Turismo Attivo

 

Lanciano
LANCIANO INEDITA

Da 50 € €

 

 

Arte e Cultura

Arte e Cultura